Il rimborso della cessione del quinto


La cessione del quinto è un finanziamento rivolto ai pensionati, dipendenti pubblici, statali, parapubblici e alcune categorie di dipendenti privati aventi contratto a tempo indeterminato con un'azienda con non meno di 15 dipendenti. Nella cessione del quinto la rata non può superare il 20% dello stipendio inoltre nella rata stessa è compresa obbligatoriamente l’ assicurazione rischio vita e rischio d’impiego.

Di seguito ecco alcuni dei vantaggi che vanta la cessione del quinto rispetto al prestito personale:

la cessione del quinto può essere stipulata nonostante la presenza di segnalazioni al CRIFF o in caso di protesti.
La rata viene trattenuta direttamente dalla pensione o dalla busta paga, non necessità di un garante.

La rata e il tasso d’interesse rimangono invariate per tutta la durata del finanziamento.

La cessione del quinto può essere estinta anticipatamente, concludersi in modo naturale oppure c’è anche la possibilità di poter rivalutare la cessione del quinto, estinguendo quella che si ha già in corso con una nuova cessione del quinto. Per poter estinguere la cessione del quinto in tutti i casi bisogna richiedere un conteggio estintivo, cioè il conteggio dell’importo da restituire all’istituto creditizio .

Non tutti sanno che nel momento dell’estinzione anticipata, è doveroso da parte dell’istituto creditizio dover effettuare il rimborso della cessione del quinto.

Il rimborso cessione del quinto è l’insieme dei costi di commissione e dei costi assicurativi di cui il cliente ha diritto in caso di estinzione anticipata o nel momento della rivalutazione della stessa.

Banca d’Italia ha decisamente chiarito nelle comunicazione del 10/11/2009 e del 7/4/2011 che il cliente che estingue anticipatamente, o rinnova la cessione del quinto ha diritto al rimborso di alcuni dei costi della cessione del quinto ( lo stesso criterio vale anche per la delegazione di pagamento in busta paga ). La maggior parte dei conteggi estintivi sono stati effettuati in modo errato, sia per quanto riguarda l’estinzione anticipata che per la rivalutazione della cessione del quinto. Questi venivano infatti sgravati soltanto degli interessi non maturati senza tener conto delle commissioni .

Il cliente ha quindi il diritto di essere risarcito dei costi dell’assicurazione rischio vita o rischio d’impiego di cui non ha usufruito e delle commissioni finanziarie e di intermediazione. Tutte le cessioni del quinto estinte anticipatamente, possono essere sottoposte a questo tipo di rimborso, la maggior parte dei rimborsi di cessione del quinto però viene effettuata su cessioni estinte o rivalutate prima del 2013, in quanto la trasparenza bancaria negli anni antecedenti al 2013 lasciava a desiderare .

Per quanto riguarda il rimborso della cessione l’istituto creditizio deve comunicare entro 30 giorni lavorativi se accoglie la proposta o meno.

In caso di esito positivo il rimborso delle commissioni finanziarie e di intermediazione puo avvenire tra i 30 e 60 giorni lavorativi, mentre per quanto riguarda il rimborso delle commissioni assicurative possono passare anche diversi mesi, dipende tutto dai tempi d’assegnazione del rimborso tra la finanziaria e l’assicurazione.

Non sempre nel richiedere il rimborso di cessione del quinto si ha esito positivo, dipende sempre dalla serietà della agenzia finanziaria. Anche per quanto riguarda i tempi definitivi per l’erogazione del rimborso dipende tutto dalla professionalità dell’istituto creditizio.

Possiamo suddividere il rimborso di commissioni della cessione del quinto in tre categorie :

Le Commissioni bancarie e finanziarie che possono essere rimborsate sono legate ai costi del prelievo periodico della rata e tutte le spese successive al chiusura del finanziamento, dove pero non sono invece rimborsabili le spese di istruttoria e della gestione della pratica.

Le commissioni di intermediazione sono rimborsabili solo se l’attività di intermediazione dell’agente finanziario si protragga oltre la stipula del contratto, sono tutte quelle spese applicate a tutta la durata del finanziamento ma godute fino alla chiusura della cessione del quinto.

Non sono rimborsabili le provvigioni dell’ intermediario creditizio, figura diversa dall’agente finanziario. ( l’ intermediario creditizio e colui che mette in relazione ,banche e intermediari finanziari con la potenziale clientela per la concessione di qualsiasi forma di finanziamenti; l’agente finanziario è colui che promuove e conclude contratti per la concessione di finanziamenti, su mandato di intermediari finanziari ).

Per quanto riguarda le commissioni assicurative sono rimborsabili tutti gli anni di cui il cliente non ne ha goduto, sia per quanto riguarda l’assicurazione rischio vita che per l’assicurazione rischio d’impiego.

Per richiedere il rimborso di cessione del quinto il cliente può occuparsene personalmente oppure può rivolgersi a uno studio legale di competenza o alla tutela del consumatore, solitamente l’istruttoria di questo tipo di pratica e gratuita, il compenso dello studio legale o degli operatori arriva nel momento del ricavo del rimborso. In alcuni casi i compensi possono arrivare anche fino al 50% del rimborso stesso.

Per richiedere il rimborso di cessione del quinto sarebbe meglio essere in possesso del contratto di finanziamento e del prospetto di liquidazione .